mercoledì 11 giugno 2008

Fuori di testa


Guantanamo: due terzi dei detenuti rischiano problemi mentali, sostiene Hrw
(peacereporter.net)
Detenuti senza un'accusa, senza un processo in vista, subendo abusi fisici e psicologici. Le condizioni nelle quali vengono tenuti prigionieri i “nemici combattenti” di Guantanamo sono state descritte nel dettaglio per sei anni, da quando il campo di detenzione nella base statunitense a Cuba ha iniziato ad accogliere presunti terroristi islamici. Ma ora, grazie a un nuovo rapporto di Human Rights Watch, emerge anche che oltre due terzi dei detenuti di Guantanamo sono a serio rischio di problemi mentali, perché tenuti prigionieri in condizioni disumane.


Conosco le giustificazioni degli USA di fronte all'esistenza del carcere di Guantanamo (l'idea per cui per i terroristi non valga la convenzione di Ginevra, in quanto non legittimabili come prigionieri di guerra, in quella che non è una guerra tra nemici sullo stesso piano) e già sono abbastanza assurde, ma ora siamo ben oltre ogni limite tollerabile.
Sono sempre più schifato dalla costante bipolarità statunitense, è ora che l'ONU alzi seriamente la voce ponendo questo problema formalmente urgentissimo e ideologicamente devastante immediatamente agli occhi di quello che sarà il nuovo presidente (sperando sia meglio di quel decerebrato che ha governato il mondo negli ultimi 8 anni).

8 commenti:

Pape Satan Aleppe ha detto...

A proposito dei prigionieri di Guantanamo, ho avuto modo di vedere in rete su youtube alcuni filmati di tortura tramite waterboarding ....
Una cosa davvero devastante ed indegna di un paese come gli Stati Uniti che si professano ambasciatori della libertà e della democrazia: sembrava di essere tornati indietro nel medioevo.
Se lo ritieni opportuno volevo proporti lo scambio link con Pape Satan Aleppe.
Ciao a presto.

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

Ma ovviamente Bush sarà tranquillamente ricevuto da tutti al contrario di un suo pari come il Presidente iraniano.

Entrambi spietati assassini, ma uno è allontanato come la peste, l'altro ricevuto con tutti gli onori...

il Russo ha detto...

Ma già Guantanamo non dovrebbe essere nelle mani degli Stati Uniti, figurati che concetto dei diritti umani hanno nell'assurdità di una zona "fuori giurisdizione nella loro giurisdizione"...
Quelli so' matti...

Davide Cunsolo ha detto...

Ei ciao! hai cancellato anke tu rete4?? Grande! Guarda cosa ho preparato per te e per gli altri sul mio blog...fammi sapere.. ;)

SCHIAVI O LIBERI? ha detto...

Qui c'è poco da sperare..hanno reintrodotto le torture. E poi... siamo sicuri che i terroristi internati siano quelli giusti? La solita ipocrisia.

Pellescura ha detto...

Ho visto anch'io certi filmati agghiaccianti che ti fanno pensare se davvero negli stati uniti sanno cos'è la civiltà

JDM ha detto...

Come è semplice puntare il dito su Guantanamo. Siamo proprio dei fenomeni a protestare per la sospensione della convenzione di Ginevra a Guantanamo... salvo poi godere dei frutti che certi metodi - discutibilissimi - ci forniscono.

Non una parola sulla tortura che non può essere documentata da HRW perchè portata avanti in paesi senza informazione... non una parola sulle uccisioni per strada, e di massa.

L'epilogo, il capolavoro finale: bush e ahmadinejad sullo stesso piano. Bha.

Prefe ha detto...

che brutta immagine! Stanno come gatti nella stiva di un aereo, pazzesco...